Questa mattina ho accompagnato mia figlia alla scuola elementare. Il primo giorno di scuola per qualsiasi bambino (e per i genitori!) è un evento importantissimo. Mi ricordo di aver pianto per mio figlio che ora a 9 anni preoccupata di come avrebbe affrontato il mondo senza la mamma!

Questa mattina invece ero terrorizzata. Bella che ha 4 anni è affetta de paralisi cerebrale spastica. Usa una sedia a rotelle e ha molti problemi motori. Non riesce a camminare o stare in piedi da sola. Ha iniziato la scuola normale e sarà in classe con 29 bambini non disabili.

Sono terrorizzata di doverla lasciare alle cure di qualcun altro
Questo è stato un processo lungo, abbiamo fatto molte visite alla scuola e alla fine hanno accettato di gestire le esigenze fisiche di Bella. So che si prenderanno cura di lei e che Bella si farà voler bene dagli insegnanti, ma se si dimenticano qualcosa o se mia figlia si vergogna di dire che ha bisogno di aiuto in bagno?

Temevo gli sguardi degli altri genitori e bambini
Sono abituata all'ignoranza e come prevedevo le reazioni sono state molto diverse. Alcuni si sono presentati, altri sembravano imbarazzati. Questi ultimi sono le ex-amiche che hanno tagliato i contatti quando hanno saputo della diagnosi di Bella. Alcuni bambini facevano ai genitori domande innocenti sulla bambina in sedia a rotelle, ma erano subito zittiti, quindi hanno rinunciato a conoscere Bella. È sempre così ovunque andiamo. Bella ha degli amici e sono sicura che ne avrà sempre più.

Temo anche per la sua educazione
Ancora non sappiamo esattamente quale sarà l'impatto della paralisi cerebrale sull'apprendimento. Mi hanno detto più volte che Bella potrebbe non essere in grado di seguire il normale corso educativo e decideremo il meglio per lei quando arriverà il momento.

Sono preoccupata perché questa bambina di 4 anni e mezzo è stata sempre con me
È una lotta dura, stancante, paurosa e solitaria. A volte mi chiedo se continuerò a farcela. Ma poi ci sono tantissimi bei momenti. Bella è molto divertente e dolcissima. Prende tutto quello che le capita con un grande sorriso. A noi due piacciono le stesse cose e lei mi fa capire quanto è importante la vita. Mi sento molto fortunata di averla.

Mi sento anche in colpa perché l'ho sempre considerata e trattata come la mia piccolina. Certo spero che Bella diventi indipendente andando a scuola, ma allo stesso tempo mi sento persa, sono stata le sue braccia e le sue gambe per tanto tempo e quasi non so più chi sono io. Mi mancherà infinitamente. Non sono pronta a lasciarla andare.

Inviami altre esperienze...

Things you might like

Other articles you might enjoy...

Survey icon

Public Opinion…

Have you ever attended a Disability Show or Event?